Steinach 2018: We are ready and you?

foto5L’appuntamento più atteso per la Sezione di Pescara è giunto al termine lo scorso 20 Agosto, quando il gruppo di 53 Arbitri pescaresi ha fatto ritorno dal XIII Meeting estivo in altura.

I motori si sono accesi allo scoccare della mezzanotte del 12 Agosto alla volta di Steinach Am Brenner, località che da 7 anni è il palcoscenico ideale per questa grande iniziativa, che viene definita dal Presidente Francesco Di Censo come un vero e proprio “AllenaMente”. Ed è stato proprio questo l’obiettivo prefissato per i 9 giorni in territorio austriaco: allenare il corpo e la mente.

foto3I giovani arbitri si sono sottoposti ad un fitto programma giornaliero composto da due sedute di allenamento e riunioni tecniche. Fondamentale per la crescita dei ragazzi è stata l’introduzione dei walkie-talkie durante l’allenamento tattico del mattino; grazie a questa novità è stato possibile guidare con successo gli spostamenti sul terreno di gioco ed a valutare e migliorare la prontezza di reazione ad accadimenti inaspettati. La preparazione del mattino è stata, come di consueto, seguita dalla sessione pomeridiana degli 8 km in quota, nella quale i fischietti si sono ritrovati a dover combattere la fatica e la stanchezza, gomito a gomito come una vera Squadra, conquistando giorno dopo giorno sempre di più la consapevolezza che l’unico strumento per superare i propri limiti è la propria Mente.

 

Piccolo break per il Gruppo di Pescara durante la giornata di Ferragosto che, dopo un allenamento mattutino, è pronto a dirigersi verso Monaco di Baviera per godere di una giornata di spensieratezza in un gioiello di città.

La pausa è breve e già dal giorno seguente si riparte concentrati con gli impegni della giornata, tra cui l’incontro con l’Osservatore UEFA Konrad Plautz. Ogni anno queste lezioni in aula svolte interamente in lingua inglese rappresentano un fiore all’occhiello per la preparazione tecnica dei ragazzi, grazie anche all’utilizzo dei Video Test UEFA e all’analisys match che ne consegue.

Il 18 Agosto arriva anche la tanto temuta “Giornata di Riposo” con i 14 km di escursione sul percorso Wild Wasser Weg che, partendo dalla cascata Grawa Fall ai piedi del ghiacciaio dello Stubai e continuando tra sentieri, ruscelli, ripide salite e scenari mozzafiato, conduce il Gruppo fino al rifugio del Sulzenauhuette, dove viene immortalato il momento con una foto ricordo in divisa.

Dopo 9 giorni di intensa attività i ragazzi sono pronti a ripartire, ma non prima di essersi diretti a Innsbruck e più precisamente allo Stadio Tivoli-Neu che li ha ospitati per lo svolgimento dell’ultima “prova” di questo Steinach 2018: i test atletici d’uscita. Queste prove finali sono pensate sicuramente per provare il livello atletico raggiunto a fine Raduno, ma hanno anche lo scopo di testare i progressi avuti a livello di forza mentale, a coronamento di tutti quei concetti appresi dall’aula e dalla stessa montagna. Perché è proprio la Montagna che deve essere presa come Maestra di Vita, che ci insegna che solo ponendo un piede dietro l’altro senza fretta, passo dopo passo, con il Rispetto e l’Umiltà, è possibile sgretolare il concetto del “non ce la faccio” e raggiungere le più alte cime della Soddisfazione.

Giulia Antoniani

foto4

foto2

foto1