L’AIA PESCARA SUI 2565 M. DEL MONTE CAMICIA…LA PARTITA E’ VINTA

“E’ il fischio d’inizio, si comincia, si sale e stai carico, pensi che sarà facile, ma bastano pochi passi per accorgersi che la fatica si farà sentire e qualche dubbio affiora, ce la farò? Devo subito abituare la mente alle nuove sensazioni, alla nuova non immaginata difficoltà; il cuore pulsa, i muscoli consumano ossigeno e mandano messaggi di fatica alla mente, che però reagisce, ti spinge a non fermarti, ad andare oltre e poi ancora oltre, perché prima o poi avrà il premio: quello di avercela fatta!

Mollare ora sarebbe una sconfitta, sarebbe non superare i limiti, sarebbe abdicare all’oltre, all’incessante pulsare del cuore, al costante consumo di ossigeno dei muscoli e già, sarebbe abdicare anche all’ultimo baluardo che ti spinge ad andare avanti, quella forza di volontà, che tutto può, che tutto vince, sarebbe lasciare la vittoria alla fatica, deludere l’immaginazione della soddisfazione, significherebbe avere meno speranza perché vivrei un domani senza il respiro della soddisfazione di avercela fatta, non saprei che profumo ha il premio della soddisfazione!

Avanti allora, sempre avanti, un passo alla volta con grinta, carattere, forza, avanti a denti stretti perché non posso deludermi, non voglio deludermi; avanti perché senza giustificazioni, la vetta ce l’ho in pugno, la partita è da vincere, avanti finché non sarò saziato dalla soddisfazione di avercela fatta! Ecco ci sono, guadagno fiducia ogni passo che compio, manca poco, rimango concentrato sulla fatica e sul mettere i piedi al posto giusto, rimango concentrato nel guardare avanti e nel guardare in alto, respiro forte, controllo il cuore, ascolto la fatica solo per superarla, per farla diventare alleata nel mio obiettivo, continuo ad alimentare la speranza perché non ho scuse, nessuna giustificazione è ammessa, ho solo fame di arrivare, sommando l’esperienza di ogni passo compiuto!

Eccomi, finalmente sono in cima, un sussulto mi pervade, ce l’ho fatta, la cima è raggiunta, un nuovo orizzonte si apre, la partita è vinta! Avanti alla prossima, perché ora so cosa significa! Ho dimenticato tutto, solo la soddisfazione, che fomenta la speranza e che aiuta ad andare oltre mi rimane!

Un’altra cima mi aspetta, un’altra partita è da vincere!”